programmazione

Progetto educativo anno scolastico 2016-2017

La scuola dell’infanzia, la nostra scuola, non è soltanto un luogo di incontro e di gioco, di espressione spontanea del bambino, ma un luogo dove, incontrandosi e giocando insieme, si sperimenta e si impara, si offre concretamente ad ogni bambino la possibilità di passare dall’esplorazione alla scoperta e alla conquista, dal non sapere e dal non saper fare a nuove e graduali conoscenze e competenze del fare.
Per questo all’inizio di ogni anno ci troviamo con le insegnanti a scegliere un percorso, una proposta che coinvolga tutta la scuola per l’intero anno. E’ quasi sempre frutto di uno studio e di un’osservazione attenta per bambini che già conosciamo, e di raccordo con le famiglie e con i nidi, per i bambini che attendiamo. La domanda da cui parte il nostro lavoro e che sfocia nella proposta è dunque: nel grande progetto basato sugli obiettivi didattici da raggiungere per i bambini in quest’età evolutiva alla scuola dell’infanzia, di cosa quest’anno c’è più bisogno? Attraverso quale proposta il tentativo potrà essere efficace, cioè di aiuto reale alla loro crescita e nello stesso tempo corrispondente al loro desiderio di imparare ed essere protagonisti di ciò che vien loro proposto, partendo da come sono i nostri bambini oggi?

La risposta che ne è venuta prende forma su due grandi temi:
1)LE STORIE, che quest’anno desideriamo proporre e 2) un nuovo METODO, che desideriamo sperimentare.
1) Alcune storie definiranno il cammino di quest’anno, tutte unite da contenuti grandi che emergono da situazioni semplici, chiare ai loro occhi così che i messaggi che nascondono arrivano diretti al loro cuore. Di questo sono capaci le storie, ci fanno immedesimare, ci correggono senza giudicare, ci aprono nuovi modi di vedere e di fare, ci fanno scoprire il bene e il giusto, ma senza un discorso, attraverso l’ascolto e l’immedesimazione. E questo è il modo più bello e semplice per arrivare al bambino, che impara molto di più dall’esempio, da gesti visti e raccontati, che non da tante parole. Così è stata la storia che ci ha accolto all’inizio dell’anno: dall’aquilone stiamo imparando che il legame ci permette la conoscenza, la bellezza e ci fa vincere la paura e la solitudine…,non riconoscete in questo il cammino di ogni bambino, che pian pianino si fida delle maestre e prova a fare il suo volo per conoscere un po’ di più quello che lo circonda, incontra altri amici e insieme legati allo stesso filo vive le esperienze dell’asilo?? il “Tu sei speciale”, che è il grande titolo della nostra programmazione è la storia che conquisteremo con loro, in un secondo momento, che ci farà scoprire cosa siamo, che siamo stati creati ognuno con un grande talento, che non si misura in ciò che facciamo, ma in cosa siamo, ognuno diverso, ma con qualcosa di prezioso e meraviglioso da custodire e far fiorire.

2) IL METODO: Un approccio nuovo, su cui quest’anno tutte le sezioni investiranno energie e forze, un metodo su cui noi maestre ci siamo formate, ma soprattutto ci siamo appassionate. Questa nuova proposta didattica nasce dall’esigenza di avviare in modo propedeutico al gesto grafico fin dall’inizio della scuola dell’infanzia in modo graduale e sistematico.
Non è tanto e soltanto la preparazione alla scrittura l’obiettivo di questa nuova proposta didattica, ma piuttosto il riconsiderare in maniera integrata tutte le attività didattiche proposte ai bambini all’asilo, in un’ottica finalizzata al benessere generale psicofisico del bambino, per accompagnarlo nello sviluppo neuro motorio, ma anche cognitivo ed emotivo, affinchè tutti gli apprendimenti di varia natura possano confluire, sostenendosi a vicenda, verso una più completa formazione dei vari aspetti dell’apprendimento, pur con un’attenzione particolare ai prerequisiti della scrittura. In particolare gli interventi riguardano: attività per promuovere la corretta postura e presa degli strumenti nell’atto grafico, attività di manipolazione e di motricità fine, di percezione tattile e spazio temporale, attività per favorire la conoscenza dello schema corporeo e il disegno della figura umana, la colorazione all’interno dei contorni del disegno, esercizi di macrografismo e di pregrafismo per preparare allo stampato maiuscolo e al corsivo. Partiamo dal fatto che il bambino è tutto intero e ha bisogno di integrare i vari apprendimenti in modo unitario, nel rispetto dei suoi ritmi e delle sue modalità di approccio al mondo, prima utilizzando il corpo e le mani in modo esplorativo, per poi passare a livelli di crescente complessità cognitiva, per acquisire consapevolezza di sé, del mondo reale e astratto, formato di segni e simboli, in cui è immerso. Lo scopo è dunque predisporre al bambino gli stimoli per sviluppare progressivamente le competenze del fare, della motricità grossolana a quella più precisa, fino ad arrivare a quella specializzata per scrivere.
Naturalmente l’attività viene differenziata nelle diverse fasce di età.
E’ un approccio che prende le distanze da un approccio spontaneistico, perchè l’insegnante offre adeguati stimoli per raggiungere gli apprendimenti. Ne conseguono nuovi materiali, strumenti, spazi gioco creati per facilitare e guidare il processo descritto.
Ci tengo a sottolineare che è un tentativo, una sperimentazione, che dunque non ha la presunzione di esaudire tutti i suoi aspetti e le prospettive che apre, ma sicuramente dà una consapevolezza maggiore e ancora più profonda ad un lavoro che caratterizza la nostra scuola da molto tempo.
Il primo e il secondo punto si intrecciano unite da un FILO, il filo è una parola cara quest’anno, che lega il nostro progetto, come? Questa sarà la nostra scoperta, se ci state a questo percorso lo scoprirete insieme ai nostri bambini…c’è un filo che unisce il cuore della nostra scuola ad ogni bambino che ne fa parte, alle maestre, alle famiglie, a chi desidera fare un pezzo di strada insieme per crescere un po’.

LA COORDINATRICE

 


SCUOLA MATERNA PARROCCHIALE DI ROMANO BANCO | SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE | “SCUOLA PARITARIA” decreto n. 488/2913 del 28 febbraio 2001
VIA SIENA N. 26 20090 BUCCINASCO (MI) Telefono 02 48.84.20.77 Fax 02 45.70.48.42 | scuolamaterna.rb@gmail.com | www.scuoladonstefanobianchi.org
C.F./P.I.: 03171080157 Albo Società Cooperative n. A104494